Qual è la distanza pupillare?

La distanza pupillare è la distanza tra i centri delle pupille degli occhi. Questo valore viene in genere indicato in millimetri poiché sono un preciso sistema di misurazione che è utile per misurazioni molto piccole. La distanza pupillare diventa particolarmente importante per le prescrizioni di occhiali, quando viene utilizzata per garantire che gli occhiali siano correttamente adattati al volto di chi li indossa. A volte è scritto direttamente su prescrizioni e in altri casi può essere lasciato fuori, per ragioni che saranno spiegate a breve.

Optometristi e altri professionisti dell’ottica possono misurare la distanza pupillare utilizzando un dispositivo che è personalizzato per l’attività. Comunemente, vengono eseguite due misurazioni, una mentre il paziente si sta concentrando su obiettivi di medio-lungo raggio, e l’altra mentre il paziente sta osservando un obiettivo da vicino. La distanza pupillare sarà data in due valori, uno per la visione a distanza e uno per la visione di visione. Questo viene fatto per lenti bifocali o per prescrizioni per occhiali da lettura.

È anche possibile misurare la distanza pupillare a casa con l’assistenza di un righello. Di solito è utile che un amico o un partner esegua la misura effettiva, anche se le persone possono essere ragionevolmente precisi quando guardano uno specchio e usano un righello. La distanza della pupilla può variare notevolmente da persona a persona ed è consigliabile prendere almeno due misurazioni per confermare che la misurazione sia effettivamente corretta, piuttosto che presumere che sia probabilmente al primo tentativo.

Alcuni optometristi lasciano le misurazioni della distanza pupillare dalle prescrizioni, a meno che non venga loro chiesto espressamente di aggiungerle. Questo può essere il risultato dell’oblio, ma più comunemente è fatto per incoraggiare i pazienti ad ordinare gli occhiali attraverso l’optometrista. Le vendite di lenti e montature possono essere una parte importante del business e chiedere ai pazienti di ordinare attraverso l’ufficio fornisce anche al medico la possibilità di controllare i pazienti, di seguire un fitting per confermare che gli occhiali si adattano e ricordare pazienti quando è il momento di ottenere un altro esame della vista.

I pazienti possono chiedere che la misurazione della distanza pupillare sia registrata in modo che possano prendere la prescrizione altrove. A volte è scritto come un numero singolo e talvolta è scritto come due. Quando vengono visualizzati due numeri come 33/27, riflette una misurazione dal centro di ogni pupilla al ponte del naso. Alcune persone sono sorprese di apprendere che l’asimmetria non è così rara quando si tratta di distanza pupillare.

Occhiali della taglia sbagliata non si sentono comodi da indossare e possono causare problemi alla vista. Per lo meno il paziente può scoprire che la visione non è corretta correttamente e che i pazienti possono anche sviluppare mal di testa e affaticamento degli occhi perché i loro occhi hanno problemi a focalizzare attraverso le lenti. Pertanto, è importante assicurarsi che la distanza pupillare sia presa in considerazione quando si indossano gli occhiali.