Cos’è Halo Nevus?

Un nevo di alone è una lesione cutanea benigna che si trova comunemente nei bambini, ma può essere trovata in individui di qualsiasi età. In realtà è una talpa circondata da una zona di alone bianco. Queste talpe appaiono allo stesso modo sia negli uomini che nelle donne, ed è solo un’anomalia estetica. Il trattamento non è necessario poiché è benigno.

Leukoderma acquisitum centrifugum è stato il primo nome dato a questa condizione da un dermatologo americano di nome Richard L. Sutton. Questa condizione della pelle è una variante del nevo melanocitario, una lesione cutanea che contiene melanociti o cellule del pigmento. Nel nevo halo, vi è infiltrazione linfocitaria che circonda il nevo. L’infiltrato è responsabile della zona di depigmentazione, che è l’area di alone bianco che circonda il nevo.

Sebbene la causa esatta di questa lesione cutanea non sia nota, molti ricercatori hanno tentato di spiegare il suo meccanismo immunologico. Le cellule infiltranti consistono prevalentemente di linfociti T, che includono linfociti CD8 e CD4. Ci sono anche macrofagi sparsi nella zona dell’alone bianco. I melanociti sono completamente assenti nella zona dell’alone bianco. Il ruolo dei linfociti T sull’assenza di melanociti non è ancora chiaro, ma è plausibile che i linfociti T attaccino e uccidano i melanociti.

Un nevo halo è di solito single e visto più frequentemente sul tronco, soprattutto sul retro. In alcuni casi, può essere multiplo e può essere trovato in qualsiasi parte del corpo. Il nevo appare rotondo o ovale. Può essere uniformemente colorato come marrone, rosa o marrone e si trova in posizione centrale all’interno dell’alone circostante. La larghezza dell’alone che circonda il nevo è variabile, ma la sua distanza radiale dal nevo è generalmente coerente.

Il nevo centrale può persistere o scomparire per mesi o anni, con l’area dell’alone bianco lasciata indietro. La sua colorazione potrebbe non cambiare, potrebbe diventare irregolare o cambiare in rosa o rosso. È anche possibile la scomparsa del nevo con ripigmentazione dell’alone. L’alone, tuttavia, persiste nella maggior parte dei casi.

Un nevo halo non produce sintomi e non è richiesto alcun trattamento. Qualsiasi aspetto atipico o irregolarità, tuttavia, garantisce l’escissione per esame istologico al fine di escludere la malignità. È importante che un medico chieda ai pazienti con nevo acoico sulla storia medica passata o sulla storia familiare dei nevi atipici, del melanoma maligno e della vitiligine. Gli individui con nevo halo devono essere seguiti ogni anno per un esame completo della pelle per garantire che non siano state sviluppate talpe atipiche o melanoma maligno. Anche l’uso quotidiano della crema solare è incoraggiato.