Che cos’è la malattia polmonare interstiziale?

La malattia polmonare interstiziale è una condizione in cui il rivestimento dei polmoni di una persona diventa gradualmente infiammato e sfregiato, influenzando la respirazione e mettendo l’individuo a rischio di sviluppare pressione alta e gravi problemi cardiaci. La malattia può affliggere chiunque, sebbene sia prevalente negli adulti sopra i 50 anni e coloro che lavorano con sostanze tossiche, come l’amianto. Non esiste una cura per questa condizione, ma i suoi progressi possono essere rallentati assumendo farmaci da prescrizione e facendo scelte di vita sane. Un individuo che crede di avere sintomi di malattia polmonare, come respiro affannoso, respiro sibilante e tosse, dovrebbe cercare la guida di un medico autorizzato per determinare il trattamento e il piano di gestione più appropriati.

Esistono diversi tipi di malattia polmonare interstiziale, sebbene la maggior parte abbia sintomi molto simili e potenziali complicanze. Il sintomo più comune di malattia polmonare è la mancanza di respiro. Gli individui nelle fasi successive della malattia possono avere difficoltà a respirare durante le attività quotidiane di routine, come camminare per brevi distanze, preparare i pasti o conversare. Alcune persone sperimentano attacchi di tosse o sibili significativi durante l’attività. Le persone con malattie polmonari spesso soffrono di carenza di ossigeno nel sangue, che può portare a una serie di problemi di salute, tra cui l’ipertensione e insufficienza cardiaca.

In molti casi, la causa della malattia polmonare interstiziale è sconosciuta. Medici e ricercatori hanno determinato una serie di diverse possibili cause di malattia polmonare interstiziale. Le persone sono a rischio se vivono e lavorano intorno a determinate sostanze nocive, tra cui silicati fini, amianto, rifiuti animali e polvere di grano. Quando le particelle sospese nell’aria da tali sostanze vengono inalate, si attaccano al rivestimento dei polmoni e causano irritazioni e cicatrici significative nel tempo. Le infezioni batteriche e i farmaci usati per curarle possono anche mettere le persone a rischio di sviluppare problemi polmonari. Infine, la radioterapia e i farmaci utilizzati nel trattamento del cancro possono portare a cicatrici permanenti del tessuto polmonare.

Ci sono diverse opzioni di trattamento disponibili per le persone che soffrono di malattia polmonare interstiziale. I medici prescrivono comunemente farmaci orali progettati per lenire il tessuto polmonare e ritardare il progresso delle cicatrici. Molte persone ricevono l’ossigenoterapia per fornire ai polmoni aria pulita e abbassare la pressione sanguigna. Gli individui possono anche trovare sollievo rimanendo lontano dalle tossine e dai fumi chimici, smettendo di fumare e mantenendo una dieta sana ricca di antiossidanti. Coinvolgere nell’esercizio quotidiano e dormire bene può anche aiutare a ripristinare il funzionamento del polmone.